Convivere con l'adhd

Adhd: non ci siamo scelti, troppo spesso non ci vuoi…… lasciare

ADHD a scuola: Aiuto per l’iperattività

Strategie per sfruttare l’alunno ADHD in classe.
Molti bambini con il disturbo dell’ADHD sono in costante movimento. A scuola, si contorcono nei loro posti, dondolano i piedi, toccano le loro matite, e parlano incessantemente. Potrebbero anche alzarsi e vagare per la classe. Uno studio recente su ragazzi con ADHD ha rilevato che si muovevano per la stanza otto volte più spesso di altri ragazzi, e facevano il doppio dei movimenti con le braccia.
Il comportamento iperattivo non è una scelta, ma espressione di un disturbo biologico del cervello. I bambini iperattivi hanno anche problemi con il controllo degli impulsi – tra le altre cose, non possono resistere all’impulso di muoversi. Si può dire loro di stare fermi o arrestare l’irrequietezza o di parlare, ma in pochi minuti essi lo faranno di nuovo.
Il modo migliore per aiutarli? Incanalare l’energia in eccesso in attività costruttive, o fornire ampie opportunità per i bambini di bruciarle fuori.
SOLUZIONI
IN AULA:
•    TENETE A MENTE che un bambino con ADHD può essere in ritardo nella maturità sociale. Anche se è il bersaglio a scuola, pensare a lui come di due anni più giovane dei suoi compagni di classe – e di lavorare con lui di conseguenza.
•    COSTRUIRE tutta la giornata scolastica in movimento. Nella scuola dell’infanzia e prima elementare, tenere l’intera classe in condizione di stretching, jogging sul posto, e cantando canzoni accompagnate da movimenti delle mani e del corpo. Con gli studenti più grandi, creare opportunità per gli studenti ADHD per muoversi. Ad esempio fargli raccogliere e distribuire documenti, e far loro consegnare messaggi alla segreteria della scuola. Responsabilità come queste aiutano i bambini, i quali si sentono speciali, consentendo loro di sfogarsi.
•    LEZIONI alternative di alta e bassa energia. Far seguire ad una lezione di musica vivace un’altra di scrittura.. Pianificare un argomento che richiede grande concentrazione – come la matematica – dopo l’educazione fisica.
•    FORNIRE alternative alla classica posizione si stare seduti in classe. Alcuni bambini fanno un lavoro migliore se sono autorizzati a muoversi mentre seguono le loro lezioni. Permetti a loro di stare a seguire la lezione in piedi ponendo il loro banco in fondo alla classe, o permettere loro a camminare in silenzio. Durante l’ora di letteratura o di lettura libera, lasciate che gli studenti possano sedere su cuscini, poltrone, o sul pavimento.
•    SAPER RICONOSCERE il punto di rottura. Anche se hai fornito delle ampie pause all’interno di una lezione, alcuni bambini con ADHD possono ancora essere attenti per un breve periodo di tempo. Se avete l’impressione che uno studente stia raggiungendo il suo limite, lasciarlo alzarsi per sgranchirsi le gambe – anche nel mezzo di un test.

A CASA:
•    RICONOSCERE il bisogno del vostro bambino a muoversi. Lasciare che il bambino possa  prendersi una breve pausa dal tavolo da pranzo per sbarazzarsi del surplus di energia – e poi ricongiungersi alla famiglia quando lui è capace. Usate la stessa strategia in occasione di eventi sportivi, servizi religiosi, e altre situazioni che richiedono al bambino di stare fermo per lunghi periodi.
•    INCORAGGIARE l’attività fisica prima della scuola. Lasciare che il tuo bambino possa prendere il cane per una corsa la mattina presto o inforcare la sua bicicletta fino alla scuola. Il tempo è inclemente? Fallo saltare con la corda o permettergli di fargli rimbalzare una palla, fornisce a lui un grande rilascio di energia.
•    COMPRARE una sedia a dondolo – il suo ritmo può fare da calmante. metterla in un posto tranquillo dove il bambino può sedersi a leggere. Se lui si contorce molto, provare con DISC’O’SIT, un cuscino gonfiabile di circa 30 – 40 centimetri che consente a un bambino di dimenarsi mentre è  seduto ad una scrivania o ad un tavolo.

by Redazione additudeDiscoSit_1

 

2 thoughts on “ADHD a scuola: Aiuto per l’iperattività

  • mat ha detto:

    Grazie per i consigli: chiari, brevi, efficaci.
    😉

    • Paolo ha detto:

      Grazie a te per la tua gentilezza nel volermi dare questo feedback. Consiglia a chi può essere interessato a questo sito. A breve altri post per me davvero interessanti. Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.